Bonus bebè: è lotta contro lo spopolamento, di cosa si tratta

In arrivo un bonus per combattere lo spopolamento nei piccoli centri: si tratta di quello dedicato ai bebè, ma vediamolo nel dettaglio. 

Preparatevi perché ci stiamo preparando ad accogliere un nuovo bonus per tutte le famiglie e soprattutto contro lo spopolamento.

E’ in arrivo un bonus per tutte le famiglie e che soprattutto potrebbe aiutare a contrastare un fenomeno sempre più attuale. Ovvero quello dello spopolamento sempre più veloce e fulmineo che si sta verificando in determinati comuni, come ad esempio quelli di montagna. Per saperne di più sul bonus bebè, non dovete fare altro che continuare a leggere insieme a noi di Tuttogratis.it.

Lo sapevate che è in arrivo un processo per combattere lo spopolamento nei piccoli centri? Eccoci quindi a parlare del bonus bebè

La notizia è fresca fresca, ma noi siamo già pronti a informarci e soprattutto a vedere come poterla mettere in atto. E’ da poco arrivato il via libero da parte della Giunta Regionale. Si tratta di una serie di contributi che verranno erogati a determinati nuclei familiari con l’obiettivo di combattere lo spopolamento di determinati comuni.

Ma vediamo più nello specifico come funziona questo bonus dello spopolamento o che, altrimenti, è conosciuto come “bonus bebè”. In poche parole, verranno erogati dei contributi a favore di determinati nuclei familiari che già hanno la residenza o che hanno intenzione di spostare la propria residenza.

I comuni che in cui bisognerà avere la propria residenza sono quelli che si trovano al di sotto dei tremila abitanti, in modo tale da spingere le persone a trasferirsi proprio in queste zone e combattere com’è ovvio questo lampante spopolamento. Ma non finisce qui!

Secondo questo nuova legge del Bilancio, infatti, questo bonus contro lo spopolamento darà delle agevolazioni anche alle famiglie composte solo da un genitore. Questi nuclei, infatti, potranno ricevere un assegno mensile di 600 euro per il primo figlio nato, adottato o in affido pre-adozione nel 2022.

LEGGI ANCHE: È questo il discount più conveniente in Italia: non è Lidl e neanche MD

Mentre potranno ricevere 400 euro nel caso di secondo o successivo figlio fino al compimento del quinto anno d’età. Per quanto riguarda il versamento di queste somme, a occuparsene sarà in modo diretto il comune di appartenenza. 

LEGGI ANCHE: Nuovo concorso INPS: hai tempo fino al 18 settembre per inoltrare la domanda

Per finire, questo bonus bebè (che è insieme contro lo spopolamento ma anche contro le famiglie che hanno adottato un figlio), verrà erogato anche in base all’ISEE. Saranno ben 1.920 euro (€ 160/mese) per le famiglie con Isee inferiore a € 7.000; 1.440 (€ 120/mese) per le famiglie con Isee tra € 7.000 e € 40.000; e per finire 960 (€ 80/mese) per le famiglie con Isee superiore a € 40.000.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK