Per quanti mesi puoi non pagare l’affitto prima dello sfratto

Dopo quanti mesi di mancato affitto il padrone di casa può procedere allo sfratto? La riposta varia a seconda del vostro contratto.

Con l’aumento dei prezzi di gas e luce oltre che sei vari generi alimentari, l’affitto sta diventando un problema sempre più grande per molti cittadini. I prezzi delle bollette si alzano, mentre i salari rimangono bassi, soprattutto in assenza di una legge sul salario minimo.

sfratto dopo quanti mesi
Sfratto – Tuttogratis.it (foto Pixabay)

Dato l’importante momento di crisi economica che ci stiamo ritrovando a vivere, è dunque importante avere ben chiare quali sono le tempistiche dei pagamenti così da sapere come agire nel caso non si abbiano a disposizione abbastanza soldi per pagare. Le leggi riguardanti lo sfratto variano a seconda del contratto di locazione. Vediamo dunque cosa c’è da sapere.

Sfratto, tutto quello che c’è da sapere

Questa mille lire vale 700 euro
Soldi – Tuttogratis.it (foto Canva)

Esistono due principali tipi di contratto di locazione, a loro volta suddivisi in numerosi altri generi contrattuali: le locazioni ad uso abitativo e le locazioni ad uso commerciale.

LEGGI ANCHE: Spesa settimanale con 15 euro: il risparmio che non ti farà rinunciare a nulla

Per quanto riguarda il primo tipo di contratto il procedimento di sfratto può essere avviato già dopo il mancato pagamento di una sola mensilità. Ciò tuttavia non può avvenire prima del ventunesimo giorno successivo alla data stabilita per il pagamento. Avrete dunque un mese più venti giorni per adempire al vostro obbligo. Per quanto riguarda le locazioni ad uso commerciale, la procedura è più complessa e varia di volta in volta. In ogni caso, in mancanza di un pagamento immediato, l’affittuario spesso concede una dilazione del pagamento all’inquilino perché avviare un azione giudiziaria gli costerebbe più del ricevere l’affitto stesso.

LEGGI ANCHE: Più di 10 mila euro per questa 500 Lire: le vele hanno un dettaglio particolare

La morosità riguarda anche gli oneri accessori (es. spese di condominio, bollette ecc). In questo caso però la legge è meno rigida e la procedura di sfratto non può essere avviata finché il debito dell’inquilino nei confronti del proprietario non supera una certa somma. In ogni caso vi consigliamo di consultare anche siti e persone specializzate in questo ambito per essere certi di sapere cosa potete e non potete fare. Se invece siete in cerca di altre informazioni spiegate in modo semplice e chiaro, continuate a seguirci qui su Tuttogratis.it e sui social. A questo link, il nostro profilo Facebook.