Non farti fregare: ecco come chiudere il conto corrente senza costi

Mi raccomando, se devi chiudere il tuo conto corrente fa’ attenzione a questi costi: ecco il trucco geniale per non spendere nulla.

Tutti ormai abbiamo almeno un conto corrente intestato a noi con il quale facciamo molte operazioni e bonifici bancari.

chiusura conto corrente
Non farti fregare: ecco come chiudere il conto corrente senza costi – Tuttogratis.it (Foto di Photo Mix da Pixabay)

Può capitare però di dover, a un certo punto chiudere il conto corrente e ritirare la giacenza oppure inviarla su un altro conto. Non tutti sanno che chiudere il conto comporta dei costi e, spesso, anche molto importanti. Alcune banche applicano delle tariffe molto onerose e che non tutti possono permettersi. Inoltre, perché pagare quando puoi chiudere gratuitamente il tuo conto corrente? Devi sapere che noi di Tuttogratis.it, quando si tratta di risparmio, siamo sempre informatissimi, il tuo punto di riferimento per evitare costi e fregature di vario genere come questa delle banche. Quindi, se non vuoi che ti tolgano dei soldi, segui questi piccoli consigli, vedrai che mi ringrazierai.

Ecco come chiudere il tuo conto corrente senza nessun costo

costi chiusura conto
Ecco come chiudere il tuo conto corrente senza nessun costo – Tuttogratis.it (Foto di Free stock photos from www.rupixen.com da Pixabay)

Che tu voglia chiudere definitivamente il tuo conto ritirando l’importo in giacenza o trasferire il denaro su un altro conto o libretto, ho qui qualche consiglio pratico. Devi sapere che la banca non è mai felice quando un proprio cliente chiude un conto perché ovviamente non guadagna più. Ma sappi che, a differenza per esempio degli abbonamenti, è tua facoltà chiudere il tuo conto corrente in qualsiasi momento. Quindi la banca non può negarti la chiusura in nessun modo.

Per legge la chiusura del conto non dovrebbe prevedere costi, per cui la banca non potrà farti carico di commissioni. Nel caso in cui voglia farlo sappi che è un reato e potrai rivalerti sull’istituto bancario grazie al decreto Bersani 223/2006. Ci potrebbero essere però dei costi come l’imposta di bollo, il canone mensile ed interessi maturati, se ce ne sono. Anche i tempi di chiusura hanno un vincolo. Infatti la tua banca deve garantirti la chiusura del conto entro e non oltre i 12 giorni dalla richiesta. Nel caso in cui l’istituto non dovesse chiudere il conto entro la data prestabilita, potrai segnalarlo e andrà in contro ad una sanzione fino a quasi 65 mila euro.