A luglio 600 euro in più in pensione: ma solo per queste persone

A luglio arriverà ad un aumento in pensione di circa 600 euro in pensione: ma solo per questa determinata categoria

Purtroppo la situazione finanziaria è ancora precaria e la maggior parte della popolazione si trovano in uno stato di disagio economico. Molte persone cercano di godere di bonus e incentivi per riuscire a vivere serenamente o quanto meno sopravvivere. Per fortuna sia lo Stato che l’INPS cercano di andare incontro alle esigenze di tutti.

600 EURO IN PIù IN PENSIONE
Arriveranno 600 euro in più in pensione ma solo per queste persone-foto canva-tuttogratis.it

Sono stati davvero numerosi i sussidi e gli incentivi che vengono destinati ai più precari. Per acquistare i beni e i servizi di prima necessità ci si affida ad un bonus davvero gettonato che sarà attivo da Luglio. Stiamo parlando della Carta Risparmio Spesa. Questa è una card nominale che viene caricata di circa 400 euro e si utilizza per acquistare beni di prima necessità. Non bisogna fare nessuna richiesta e viene erogata direttamente dai comuni.

Un altro bonus riguarda i giovani dai 18 ai 30 anni. Tutti questi ragazzi possono accedere a sconti sia di carattere culturale che formativo, come viaggi, biglietti per teatri o musei e così via. Un altro incentivo riguarda gli occhiali da vista con un voucher di 50 euro per tutti coloro che non superano un ISEE di 10.000 euro.

A luglio arriveranno anche 600 euro in più di pensione, ma solo a queste persone: scopriamo chi.

600 euro in più in pensione: ecco a chi

Arriveranno 600 euro in più in pensione ma solo per queste persone-foto canva-tuttogratis.it

Nel mese di luglio arriverà la quattordicesima per i pensionati, questa però spetta solo a quei pensionati che hanno raggiunto i 64 anni di età e con dei requisiti relativi al reddito. Il reddito complessivo dovrà essere di 1,5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

LEGGI ANCHE: Le donne saranno destinate ad una pensione più bassa: i sorprendenti motivi

Un’altra categoria che godrà di questo aumento è quella delle vedove. La quattordicesima varia in base ai contributi versati. Si parte da un minimo di 336 euro ad un massimo di 655 euro. A ricevere la quattordicesima saranno anche le vedove che hanno la pensione di reversibilità, devono però sussistere le condizioni di età e di reddito. Quindi, aver compiuti 64 anni entro il 31 luglio e avere redditi che non superano il doppio del trattamento minimo INPS.

LEGGI ANCHE: 1500 euro in più di pensione: ecco quando e a chi

Se la vedova che percepisce la reversibilità, ne percepisce anche una diretta, il reddito complessivo non deve superare un determinato reddito. La quattordicesima sarà quindi aggiunta a quella persona. Per tutti coloro che percepiscono la reversibilità, i contributi vengono calcolati al 60%.