Giovane barista ucciso a coltellate nel suo locale: fermato un ragazzo

Ieri sera a Grassano (Matera), un giovane barista è stato assassinato mentre si trovava all’interno del suo locale: fermato un ragazzo di 20 anni.

Un giovane barista di 35 anni è stato ucciso a coltellate mentre si trovava nel bar dove lavorava. L’omicidio ieri sera a Grassano, in provincia di Matera. Purtroppo, nonostante la disperata corsa in ospedale, per il 35enne non c’è stato nulla da fare.

Grassano barista ucciso locale coltellate
Grassano (Matera), il locale dove è stato aggredito il barista di 35 anni (Franco Martina – Ansa) – Tuttogratis.it

Ancora da delineare i contorni della tragedia su cui sono ora in corso le indagini dei carabinieri. Poco dopo il delitto, si è costituito alle forze dell’ordine un ragazzo, poi fermato e trasferito nel carcere del capoluogo di provincia lucano.

Grassano, barista ucciso a coltellate nel suo locale: 20enne si costituisce ai carabinieri

Grassano barista ucciso locale coltellate
(Foto da Canva) – Tuttogratis.it

Nella serata di ieri, domenica 2 ottobre, un barista è stato aggredito e ucciso mentre lavorava nel suo locale, un bar sito in via Meridionale a Grassano, comune in provincia di Matera. La vittima è Mario Marchetta di 35 anni.

Stando alle primissime informazioni, riportate da alcune testate locali e dalla redazione di Fanpage, pare che il 35enne si sia rifiutato di dare da bere ad un cliente. Quest’ultimo avrebbe lasciato il locale, ma poco dopo sarebbe tornato impugnando un coltello da cucina con cui avrebbe colpito ripetutamente il barista.

LEGGI ANCHE: Raggiunto da un colpo di fucile: imprenditore muore durante battuta di caccia

Immediatamente il giovane è stato soccorso e trasportato d’urgenza presso l’ospedale di Tricarico, dove è giunto già senza vita. I medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, sopraggiunto durante il trasporto verso il nosocomio per via delle lesioni riportate nell’aggressione.

LEGGI ANCHE: Incidente durante la gara motociclistica: morto giovane pilota

Nella notte, riporta Fanpage, un ragazzo di 20 anni si è recato, insieme al suo avvocato in caserma, costituendosi. Per lui è scattato il fermo e, dopo l’interrogatorio, è stato accompagnato presso il carcere di Matera, dove ora si trova detenuto. Le indagini dei carabinieri dovranno stabilire i contorni della vicenda ed il movente: non è, difatti, ancora certo che alla base del delitto vi possa essere il rifiuto da parte della vittima.

Sotto choc per quanto accaduto tutti i residente del comune del materano, compreso il sindaco Filippo Luperto che ha espresso la propria vicinanza alla famiglia del barista.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK