Come cambia la busta paga nel 2022

Per tutti i lavoratori, quest’anno porta delle importanti novità che riguardano la busta paga.

Come cambia la busta paga nel 2022 – tuttogratis.it – 20220114

La furia riformatrice del governo italiano non si ferma davanti a nulla. Dopo l’approvazione o il rinnovo di moltissimi bonus, la creazione dell’assegno unico per sostenere le famiglie con figli e tante altre misure, ora tocca pure alla busta paga!
Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2022 si è andato a toccare pure questo argomento molto importate per tutti i lavoratori. Infatti, le buste paga sono state direttamente interessate dalla diminuzione dell’Irpef: ecco come.

Come l’Irpef incide sulle buste paga

Come cambia la busta paga nel 2022 – tuttogratis.it – 2022/01/14

Stando ai calcoli effettuati dagli esperti, con la nuova normativa fiscale entrata in vigore il 1° gennaio 2022, ci saranno diverse ritenute fiscali e una differente erogazione dei bonus, in particolare di quello per i figli. Quindi, l’importo della busta paga da lavoro dipendente cambierà leggermente. Tuttavia, i cambiamenti non sono tutti i positivi. Intanto, il Bonus Renzi, erogato a partire dal 2014 con una cifra di 80 euro, che, fino a pochi giorni fa, portava 100 euro in busta paga ogni mese, ora sarà destinato solo ad alcune categorie lavorative.

Lo avranno coloro che percepiscono fino a 15.000 euro annui. Mentre dai 15.000 ai 28.000 il bonus sarà incluso nelle nuove aliquote e non verrà erogato, a meno che con il nuovo calcolo la somma delle nuove detrazioni superi l’imposta lorda. In questo caso, però non si prendono tutti i 100 euro al mese – ossia 1.200 euro all’anno – ma solo la differenza tra l’imposta lorda e le detrazioni.

LEGGI ANCHE >>> Sconto contributivo per le mamme che lavorano 

L’assegno unico per i figli

Come cambia la busta paga nel 2022 – tuttogratis.it – 2022/01/14

LEGGI ANCHE >>> Buoni pasti aziendali: quali sono i vantaggi per tutti

Come scritto prima, è anche entrato in vigore l’assegno unico per i figli. Per via di questa aggiunta, l’importo totale fornito dal datore di lavoro in busta paga sarà un po’ più basso, perché non sara più quest’ultimo ad erogare i soldi destinati ai figli, ma direttamente dall’INPS. Non bisogna sottovalutare questa misura, perché a questa corrisponde anche la fine delle detrazioni per le famiglie con i figli a carico. Non è un dettaglio da poco e potrebbe andare ad incidere particolarmente per le famiglie con figli.