200 euro in arrivo per ognuno di noi: ecco come richiederli

Sono in arrivo ben 200 euro per ognuno di noi: tutto ciò che dovete fare è continuare a leggere per scoprire come richiederli. 

Questa estate è stata, senza ombra di dubbio, la stagione dei bonus: eccoci quindi a parlare di quello da 200 euro, come richiederlo e di cosa si tratta.

200 euro in arrivo per ognuno di noi: ecco come richiederli – Tuttogratis.it (geralt preso da pixabay)

In questo ultimo periodo l’Italia non sta certo versando nel migliore dei suoi periodi. Vuoi la siccità, le condizioni energetiche sempre al limite e quelle di lavoro che ormai da sempre non sono delle migliori, la gente comincia a essere stanca. Proprio per questo, in questa stagione più che mai, i vertici hanno ben pensato di approfittare dell’estate per poter mettere a punto qualche aiuto da far andare incontro ai cittadini. In particolare, oggi vi parliamo del bonus da 200 euro: di cosa si tratta, chi può richiederlo e cosa bisogna sapere. 

Lo sapevate che sono in arrivo ben 200 euro per tutti noi? Ebbene, ecco tutto ciò che dovete fare per poterli richiedere

200 euro in arrivo per ognuno di noi: ecco come richiederli – Tuttogratis.it (stevepb preso da pixabay)

Quando parliamo del bonus da 200 euro ci riferiamo a una parte del decreto Aiuti bis, volta ad andare incontro ai lavori con Partita Iva all’attivo. Già firmato nel corso dello scorso 1′ Agosto, il decreto è finalmente pronto adesso a vedere la luce. Per scoprire di più non dovete fare altro che continuare a leggere insieme a noi di Tuttogratis.it.

Ribadiamo, come abbiamo già detto, che i beneficiari di questo bonus da 200 euro sono i lavoratori autonomi e i professionisti con iscrizione alle gestioni previdenziali dell’INPS. Da non dimenticare, inoltre, i professionisti iscritti agli enti gestori di previdenza e assistenza previsti dal decreto legislativo 509 del 1994 e 103 del 1996 e che nel 2021 non hanno un reddito superiore ai 35.000 euro.

Per tanto, facendo un piccolo riassunto, per poter percepire questa indennità da 200 euro bisogna già essere iscritti a partita IVA e avere una attività lavorativa in data 18 maggio, quando il decreto è entrato in vigore. Per fare domanda non dovrete fare altro che rivolgervi agli enti di previdenza e, per ricevere l’indennità, ci si baserà proprio sui dati dichiarati e sulle disponibilità dell’ente che eroga la somma pattuita. 

A far parte dei lavoratori che potranno auspicare a questo bonus da 200 euro sono 430.00 coltivatori diretti, mezzadri e coloni; 859.00 artigiani; 973.00 commercianti; 261.000 professionisti esclusivi e, per finire, 477.000 casse professionali. Per un totale di 35mila euro da dividere in 3 milioni di persone. 

Leggi anche –> Novità sul Reddito di Cittadinanza: i piani del Governo spiazzano gli italiani

Il bonus da 200 euro, però, nelle ultime settimane è stato esteso anche ad altre categorie non previste dal governo Draghi. Come ad esempio i lavoratori domestici, che hanno tempo fino al 30 settembre per presentare domanda. Le altre categorie dovranno invece aspettare ottobre e facciamo riferimento a varie fasce. 

Leggi anche –> Libretto Postale: 1 solo click per aprirlo e usarlo subito, la procedura

Tra le categorie che potranno percepire a ottobre il bonus da 200 euro troviamo i titoli di collaborazioni coordinative e continuativo con un reddito non superiore ai 35.000. Gli stagionali con almeno 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021 e un reddito non superiore ai 35.000. Coloro che sono iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo e gli autonomi occasionali privi di partita IVA. Per finire, troviamo anche coloro che sono incaricati di vendite a domicilio e iscritti alla Gestione separata con un reddito non superiore ai 5000 euro per quanto riguarda l’attività.