Il patrimonio oscuro del re del calcio: Mino Raiola

Il mondo del calcio piange la scomparsa di uno dei suoi più importanti procuratori, Mino Raiola. Nel corso del tempo il manager aveva concluso accordi davvero storici che gli avevano permesso di raccogliere un patrimonio da capogiro. Ora ci si chiede chi raccoglierà la sua eredità.

Il 30 aprile, a causa di un brutto male ai polmoni che, a gennaio, aveva costretto al ricovero all’Ospedale San Raffaele, se n’è andato il re del procuratori sportivi, Mino Raoila.
Originario di Nocera Inferiore, Carmine Raiola si era trasferito da piccolissimo, con la sua famiglia, ad Harleem, nei Paesi Bassi.

Per un po’ di tempo aveva lavorato nel ristorante di cucina italiana aperto dal padre, ma poi si era dedicato definitivamente – e con grande successo – alla carriera di procuratore sportivo: il suo lavoro era quello di gestire le trattative di compravendita dei vari calciatori. Nel corso della sua carriera ha segnato dei veri colpi da maestro.

Il patrimonio del re del calcio: Mino Raiola – tuttogratis.it

Con la sua scomparsa, si cominciano a fare i conti in cassaforte: con la sua società “One”, Raiola aveva gestito alcuni dei passaggi di squadra più famosi e redditizi della storia calcistica. Tra i suoi fiori all’occhiello, Raiola poteva contare: Haaland, Ibrahimovic, Nedved, Pogba, De Ligt e De Vrij.

Un patrimonio stellare frutto di una carriera stellare

Il patrimonio del re del calcio: Mino Raiola – tuttogratis.it

Si stima che il patrimonio del defunto sig. Raiola si aggirasse intorno agli 800 milioni di euro. Una cifra davvero da capogiro che, però, non stupisce del tutto se si ricorda che ogni anno la One guadagnava circa 85 milioni di euro all’anno.
L’ultima fatica del manager italo-olandese si stava per compiere con il passaggio del centro-avanti norvegese Haaland dal Borussia Dortmund al Manchester City: il numero 9 del Borussia potrebbe diventare il calciatore più pagato del mondo, scalzando Kilian Mbappé, per cui al procuratore sarebbe spettata una cifra davvero storica.
Dal punto di vista di un’eredità “personale” è molto probabile che le redini della scuderia Raiola vengano prese in mano dal fratello Vincenzo. Anche se c’è chi sussurra di un coinvolgimento dell’avvocatessa brasiliana Rafaela Pimenta, amica storica e socia di Mino.
Per quanto riguarda il mondo dei procuratori calcistici, la medaglia da numero 1 è ormai passata al portoghese Jorge Mendes, che vanta tra i suoi assistiti niente di meno che Cristiano Ronaldo.