Mostri d’acqua dolce: i pesci più grandi di fiumi e laghi

Mostri d’acqua dolce: i pesci più grandi di fiumi e laghi

Giganti d'acqua dolce, i mostri di fiumi e laghi

  • Razza del Mekong
  • Peste tigre golia
  • Arapaima
  • Carpa siamese gigante
  • Luccio allligatore

Sono i mostri d’acqua dolce. Pesci dalla lunghezza superiore ai 3 metri che non vivono nel profondo degli abissi oceanici, ma nei laghi e fiumi della terra. Le leggende locali li dipingono a volte come cacciatori di umani, anche se si hanno pochissime testimonianze verosimili in questo senso. Se, nuotando nel mare, possiamo avere l’incubo di essere attaccati dagli squali, forse anche in alcuni corsi d’acqua non siamo completamente al sicuro. Di certo, leggende o no, entrare in contatto con un bestione di 300 chili metterebbe la pelle d’oca a chiunque. Per fortuna la maggior parte delle specie vive nelle zone più profonde dei corsi d’acqua e non amano affatto entrare in contatto con gli essere umani.

  • Razza del Mekong
  • Peste tigre golia
  • Arapaima
  • Carpa siamese gigante
  • Luccio allligatore

Pesci che possono superano la mezza tonnellata. La maggior parte di essi sono dei veri e propri fossili viventi, con caratteristiche che ne hanno permesso la sopravvivenza per millenni. La razza gigante del fiume asiatico Mekong ad esempio, da secoli descritta dai locali come un gigante buono, ha delle dimensioni impressionanti. Ne sono stati catturati esemplari con un diametro di 2,5 metri e un peso di 600 chilogrammi. Si tratterebbe di un animale pacifico, ma come tutte le razze, possiede un pericolosissimo aculeo nella coda, che, viste le dimensioni dell’animale, può facilmente uccidere un uomo.

Il grande fiume che attraversa la Cina è l’habitat di altre 2 specie di giganti: il pesce gatto del Mekong e il pesce Spatola cinese. Il primo è un animale molto vorace, pescato di sovente e temuto perché dotato di un morso poderoso. Il secondo è una specie oramai rarissima, non ne vengono avvistati vivi dal 1995.

Anche se questi giganti possono fare paura infatti, sono loro a essere messi in pericolo dagli essere umani e non viceversa. Proprio il Mekong sta subendo di recente una serie di trasformazioni, con la costruzioni di dighe e la sovrappopolazione delle sue rive, che mettono sempre più a rischio l’habitat di queste specie, facendole ormai rientrare nella lista degli animali a rischio di estinzione.

Questi pesci prediligono quindi i fiumi più lunghi e profondi ma non solo l’Asia è abitata da mostri d’acqua dolce. Molte specie, come l’Arapaima e il Piraiba, sono diffuse in Brasile e in corsi d’acqua come il Rio delle Amazzoni.

Anche in Italia vi è un gigante: si tratta del Pesce siluro, una specie aliena secondo alcuni che è stata introdotta da alcuni anni nel fiume Po’. Voracissimo e con una lunghezza che spesso raggiunge i 2 metri, il pesce siluro ha fatto la felicità dei tanti pescatori sportivi del Nord Italia, che amano fronteggiarlo nelle loro battute. Naturalmente non mancano le leggende urbane, anzi in questo caso ‘fluviali’ potremmo dire, che parlano di pesci siluro che mangiano gatti o addirittura attacchino gli incauti bagnanti.

521

lun 28/02/2011 da Nicola Figlioli in animali rari, Pesci.

Commenta

Ricorda i miei dati

Inviami una e-mail quando ci sono altri commenti

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 1998-2014 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati

Tuttogratis.it, supplemento alla testata giornalistica NanoPress registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08