Chihuahua stuprato da un uomo ubriaco in Florida

Chihuahua stuprato da un uomo ubriaco in Florida
  • Commenti (3)
  • Email
  • Condividi

Chihuahua spaventato

Un Chihuahua è stato violentato da un uomo ubriaco ad Okland park, in Florida. La sconcertante violenza è opera del quarantenne Tomas Bautista, subito arrestato per violenza sugli animali. L’uomo conviveva con l’anziano Clemente Velasquez, 67 anni, padrone della povera bestiola. La vittima è un piccolo cane di razza Chihuahua di 3 anni chiamato Mimi, adesso ricoverato presso un ospedale veterinario per sottoporsi alle cure necessarie. Il cagnolino sta adesso mostrando segni di ripresa, ma appare ancora sotto shock. Davvero uno di quei casi di maltrattamenti sugli animali che hanno dell’assurdo.

Clemente Velasquez ha ancora le lacrime agli occhi quando racconta l’accaduto ai giornalisti locali. Era da poco tornato a casa e aveva trovato il suo coinquilino completamente ubriaco. Per questo motivo gli aveva consigliato di andarsene a dormire, ma l’uomo non gli ha dato ascolto ed era uscito di casa.

Ad un certo punto il signor Velasquez ha iniziato a sentire alcuni strani guaiti. Si è così svegliato ed è uscito fuori per controllare, quando ha assistito alla scena incredibile: il suo Chihahua Mimi era sanguinante, mentre il coinquilino giaceva addormentato al suolo. Il signor Velasquez non voleva credere ai suoi occhi ed ha chiamato subito la Polizia.
L’autore del misfatto è stato così arrestato ma, purtroppo, scagionato subito dopo il pagamento della cauzione prevista. La Florida è infatti uno dei pochi stati americani a non prevedere il reato di atti sessuali contro gli animali, per il quale difficilmente il colpevole se la sarebbe cavata così facilmente.

Mimi si sta adesso riprendendo, afferma il signor Velasquez, anche se è ancora traumatizzata e sembra aver perso la grande iperattività che contraddingue i Chihuahua e altri piccoli cani.

351

sab 26/02/2011 da Nicola Figlioli in animali domestici, Cani, Florida.

Commenti (3)

Ricorda i miei dati

Inviami una e-mail quando ci sono altri commenti

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Davide
Davide 26 February 2011, 19:05
VA:F [1.6.5_908]
+1 Punto

il cane è triste perchè dopo una notte selvaggia, l uomo non l ha piu richiamata

a parte gli scherzi… poteva andare peggio al cane (e al padrone!!), il tizio spero l abbia fatto perchè ubriaco e tremendamente ingrifato altrimenti una bestialità del genere fa veramente schifo

Rispondi Segnala abuso
Escaper123
Escaper123 26 February 2011, 21:04
VN:F [1.6.5_908]
0 Punti

Il “signore” ubriaco ha penetrato il cane con un dito. Il cane è stato trattato dal veterianario ma è mandato a casa subito dopo. E’ un maltrattamento terribile che il cane ha subito.
http://www.msnbc.msn.com/id/41670543/ns/local_news-miami_fl/

Rispondi Segnala abuso
marilena
marilena 1 March 2011, 18:04
VA:F [1.6.5_908]
0 Punti

resce il numero di violenze e molestie rivolte alle donne che spesso non hanno il coraggio né i mezzi per reagire ai loro aguzzini. Vite spezzate dall’orrore dell’aggressione, dalla paura che si insinua nel cervello fino a toccarne la parte più profonda: la psiche. Solidarietà, aiuto concreto e denuncia è ciò che tutti si aspettano dalle istituzioni e soprattutto da quella ecclesiale che da 2.000 anni condanna ogni forma di violenza rivolta all’essere umano.
Invece così non è stato ascoltando le parole di Monsignor Bertoldo che individua nella sensualità, tipico connotato prevalentemente femminile, la vera causa di aggressioni e violenze. E termina la sua affermazione sostenendo che una donna particolarmente sensuale, che induce un uomo alla violenza, fa più vittime dei preti pedofili.
ILLUMINANTE ABBINAMENTO DI NOTIZIA! OGNI SCUSA E’ UN BUON MOTIVOPER USARE VIOLENZA!

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 1998-2014 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati

Tuttogratis.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08